venerdì 6 novembre 2015

Il mio nuovo laboratorio!


Tanto per cambiare anche quest'anno non ho dedicato molto tempo alla pesca, il cambio di casa mi ha portato via molto tempo libero.
Finalmente posso dire però di avere un angolo tutto mio per potermi cimentare nella mia passione di costruttore di esche, finalmente un mio laboratorio!
Molti di voi si immagineranno chissà che magazzino, si tratta solo di una piccola cantina che ho adattato alle mie esigenze e di cui ne vado però molto fiero.
Non vi ho passato ancora molto tempo perchè sto dando giustamente priorità ai lavori in casa però direi che come allestimento ho praticamente finito, mi manca solo qualche piccolo attrezzo che provvederò con il tempo a costruirmi.

Ma ora veniamo alle immagini:

Il laboratorio in tutta la sua "bellezza"

                               


Portacanne realizzato con materiale di scarto




Supporto per canna monopezzo (non ci stava in altezza)




Banco da lavoro, anch'esso autocostruito




Cassette "low-cost" porta vernici




Trapano, punte varie, dremel, gira-artificiali e compressore autocostruiti




Barra filettata x appendere le esche in attesa di resinatura




Cassettiera e scatole porta minuterie varie




Supporto per aerografo




Cassettiera porta minuterie varie




Non vedo l'ora di passarci un po' di tempo per sfornare nuove creature, a presto!

lunedì 26 ottobre 2015

Anciòa, i test


Ormai è un annetto che ho terminato la costruzione di quest'esca, ma non ho mai pubblicato le foto sul blog, poiché volevo essere sicuro di aver creato un esca tutta mia, che mi piacesse esteticamente e soprattutto che fosse funzionale.
Chi dice che i metal jig sono tutti uguali sbaglia di grosso, ognuno ha delle caratteristiche ben precise e ciò che funziona un giorno non è detto che funzioni il giorno successivo.
Nei diversi test che ho fatto ho potuto notare che anche la colorazione riveste un importanza fondamentale, molte volte le colorazioni naturali sono le uniche che vengono considerate, altre volte bisogna utilizzare qualche colorazione "di fantasia" per scatenare l'attacco di qualche apatico predatore.

Tornando all'esca in questione posso dirvi che pesa circa 30 grammi, è costruito con un armatura passante in acciaio inox da 1 mm, e la colorazione è rivestita da diverse mani di vernice trasparente che lo rendono robusto abbastanza da sopportare anche le mascelle più cattive.
Anche se le uscite sono state piuttosto risicate ho cercato di metterlo in acqua non appena mi si presentasse l'occasione.




Le prove le ho effettuate prevalentemente dalla barca e le prede catturate finora sono state le più varie, dai piccoli ed aggressivi lanzardi, alle palamite, alle piccole ricciolette, ai tombarelli e per finire ai baby tonni, insomma buona parte delle specie catturabili dalla barca.







Ora mi toccherà decidere quali saranno le colorazioni definitive, manca poco ormai..

venerdì 26 giugno 2015

Light spinning ai lanzardi


Inserisco il link del video della mia ultima uscita in barca dedicata allo spinning con attrezzatura leggera.
Peccato non aver filmato il combattimento con tombarello perchè meritava con quell'attrezzatura..

domenica 7 giugno 2015

New toys (season 2015)


Ormai ci siamo, i predatori si fanno sempre più presenti e direi che sia giunta proprio l'ora di inaugurare la stagione di pesca dalla barca.

La barca del pirata è già scesa in acqua per qualche timido tentativo con tecniche alternative, ma direi che ora è giunto il momento di tirare fuori le mie amate cannette da spinning e le nuove creature appositamente preparate per affrontare i miei amici pelagici.

Oltre ai metal jig vecchi e nuovi quest'anno ho scoperto una nuova tipologia di esche destinata a dare del filo da torcere ai cari pinnuti.
Si tratta delle micidiali esche siliconiche.
Già nella passata stagione io e i miei amici ci siamo resi conto come molte volte i pesci sdegnassero le nostre esche metalliche e gradissero invece particolarmente piccole esche siliconiche opportunamente presentate.

Ecco perchè mi sono deciso a "trafficare" con alcuni nuovi materiali nella speranza di ottenere esche efficaci e sopratutto completamente artigianali.
I primi tentativi li ho già fatti come potete vedere dalle immagini ed i risultati sono senz'altro positivi.






Nell'ultima mia uscita in barca ho portato con me un attrezzatura decisamente light. Una piccola cannetta che utilizzo normalmente per la pesca delle trotelle in torrente a cui ho abbinato un mulinellino caricato con una trecciato dello 0,06. Finale in fluoro dello 0,30 per cercare di resistere a qualche eventuale sorpresa dentuta, vedi palamita e come esca piccoli ronz da 7 grammi, che difficilmente avrei potuto lanciare con un attrezzatura classica.
I risultati non sono mancati e dopo un paio di lanzardi è arrivato anche un divertentissimo tombarello di ottima taglia che mi ha dato del filo da torcere con una attrezzatura così light.
Devo dire che con questa attrezzatura anche pesci di taglia modesta sono un vero spasso e queste esche si sono rilevate davvero micidiali, praticamente ogni lancio sui pesci era una cattura , tant'è che dopo poco mi sono dovuto fermare per non compiere un inutile strage.




Quando avrò preso maggiore dimestichezza anche con questi nuovi materiali cercherò di creare qualcosa che sia mio al 100%.
Intanto a breve cercherò di postare qualche interessante, almeno per me, novità..
A presto!

sabato 24 gennaio 2015

Creature invernali


Era parecchio che non mi ammalavo, ma approfittando del fatto che non potevo uscire di casa mi sono messo a costruire qualche nuova eschetta.
Nulla di che, ma nel complesso sono soddisfatto.
La prima esca che voglio farvi vedere è un wtd, esca che non amo particolarmente ma che spesso può fare la differenza.
Ho provato ad imitare un cefalo anche se non mi sono sbattuto troppo nei dettagli e si vede..





Da provare in foce magari, alla ricerca di qualche spigola o serra.

L'altra esca che vi voglio far vedere è ancora in fase di "progettazione" se così si può dire.
La scorsa stagione mi sono trovato in più di un occasione davanti a pesci che snobbavano il piombo e l'unico modo per fare qualche cattura era proporgli qualche siliconico imitante piccole acciughe.
Per fortuna ogni uscita è a se, ma se ci si trova davanti una situazione del genere non voglio farmi trovare impreparato e così mi sono costruito, o meglio sto piano piano costruendo, questa nuova eschetta.
Un pesciolino in gomma lungo 7 cm del peso di circa 13 grammi.
Non è un esca pesante ma viste le misure ridotte si lancia piuttosto bene.
Ha una piombatura interna che lo rende pesante ed una codina mobile che gli conferisce un buon movimento.
L'ho costruito principalmente per usarlo dalla barca ma anche da terra credo che si possa far valere e spero di testarlo a breve.
Dato che non mi sono mai cimentato con esche in gomma sono sorti numerosi problemi in fase di costruzione ma lentamente ne sto venendo a capo grazie ai vari forum e blog che trattano l'argomento.
Quindi per ora tutto è ancora in fase embrionale ma spero di terminare la mia prima creatura a breve.
Intanto vi lascio con qualche foto, si capiscono così i vari step per la costruzione.

Questo è il master dal quale sono partito


Una volta creato il modello ho preparato con la solita gomma siliconica lo stampo.



Successivamente ho creato un semplice stampo in legno per creare la piombatura interna dell'esca che ingloberà anche l'amo.



Ora che ho preparato tutto l'occorrente comincio a colare i primi pezzi



Mi ritengo soddisfatto del risultato ottenuto, ora devo solo studiare bene come riuscire a colorare le esche nei modi più opportuni.
Per ora è tutto, alla prossima.

martedì 30 dicembre 2014

Anno sabbatico


Ormai giunto alla fine di questo 2014 credo di poter affermare di non aver mai vissuto un anno così negativo.
Quasi sempre infatti ciò che ti succede nella vita privata si ripercuote anche su cose che apparentemente non dovrebbero essere coinvolte, è anche vero che la pesca è per me solamente una passione e se purtroppo accadono fatti spiacevoli il bisogno e la voglia di dedicarmi a qualunque attività che non sia veramente fondamentale viene meno.
Ho iniziato l'anno pieno di buoni propositi, con l'intento di divertirmi come non mai.
All'inizio ci ho anche creduto, poi varie faccende mi hanno tenuto sempre più lontano dal mare.
Molte volte sarei potuto andare a pesca ma non ero dell'umore giusto per farlo, non mi era mai capitato e ciò mi ha anche spaventato.
Ogni tanto ciò provato, in fondo la pesca è qualcosa che ho dentro, però quando ti trovi in mezzo al mare e non riesci a viverti certi momenti come hai sempre fatto capisci che c'è qualcosa che non va ed allora è inutile insistere e sforzarsi di fare le cose, se il cervello non gira nel modo giusto non ci puoi fare niente.
Diciamo che questo è stato un anno sabbatico, un po come uno studente che non sa ancora se la strada che ha scelto è quella giusta.
Io però la strada giusta so qual'è, aspetto solo il momento migliore per ripartire, ripartire più forte di prima.
Spero vivamente che il 2015 sia migliore sotto tutti i punti di vista e spero di poter tornare su questa mia pagina personale con più entusiasmo e voglia di quando sono partito...

martedì 14 ottobre 2014

Ritorno dall'aldilà


Salve gente, credevate di esservi liberati di me?

Tranquilli, non sono morto e col cavolo che ho abbandonato la pesca, MAI!

E' che ho riesumato il Pc dopo quattro mesi e dal cellulare non mi veniva certo comodo scrivere qualcosa.
Se a ciò sommiamo il fatto che quest'anno le uscite si contano sulle dita delle mani, capite che tutto questo materiale da postare non c'era proprio..
Però la pesca è sempre nei miei pensieri e spero di riuscire a mantenere vivo il blog con qualcosa di interessante da postare a breve!

Vi saluto con uno dei pochi pesci decenti catturati quest'anno, non a spinning purtroppo ma ci si accontenta..


A presto!!